LEVIATANO NELLE ACQUE PRIMORDIALI


LEVIATANO NELLE
ACQUE PRIMORDIALI


Anno: 2020
Dimensioni in cm: 50 L x 70 A

Tecnica: Digital Art
Materiali: Giclée fine art print su carta Hahnemühle


Dimensioni opera incorniciata: 65,1 x 85,1 cm – Cornice in legno nero, Passepartout bianco (6 cm)


© Andrea Casula.
Tutti i diritti riservati.

Opera realizzata in unica copia e firmata a mano dall’artista. L’originalità e l’unicità dell’opera è garantita da apposito certificato di autenticità.

Descrizione dell’opera:
“Leviatano nelle acque primordiali”, è un opera di Andrea Casula nella quale viene rappresentato in modo astratto tramite una forma amorfa circoscritta, l’animale più potente che sia mai esistito nel nostro pianeta, il Leviatano. La tradizione ebraica vede nel Leviatano il primo essere vivente a essere stato creato nelle acque primordiali della creazione. Il capitolo 41 del libro di Giobbe ben descrive la sua potenza: “Puoi forse catturare Leviatàn con un amo, o legargli la lingua con una fune? Puoi infilargli una corda nelle narici, o forargli le mascelle con un uncino?…Metti su di lui la tua mano: sarà una lotta che non dimenticherai, e non proverai a farlo una seconda volta. Ogni speranza di dominarlo è vana. Alla sua sola vista verrai meno. Nessuno osa provocarlo….Il suo sbuffare emana luce; i suoi occhi sono come i raggi dell’aurora. Dalla sua bocca escono lampi e sprizzano scintille di fuoco. Fumo esce dalle sue narici, come da una fornace alimentata da giunchi. Il suo fiato accende carboni, e la sua bocca sprigiona fiamme. Dietro di sé lascia una scia luminosa, e l’abisso appare coperto da una chioma bianca. Sulla terra non c’è niente di simile a lui, creatura fatta per non avere paura. Guarda dritto in faccia tutto ciò che è eccelso; di tutte le imponenti belve lui è il re”.
Descrizione dell'opera

Altre opere



Condividi questa pagina: