LINGUE DI LUCE ALL’ALBA DEL MATTINO


LINGUE DI LUCE
ALL’ALBA DEL MATTINO


Anno: 2020
Dimensioni in cm: 70 L x 50 A

Tecnica: Digital Art
Materiali: Giclée fine art print su carta Hahnemühle


Dimensioni opera incorniciata: 85,1 x 65,1 cm – Cornice in legno nero, Passepartout bianco (6 cm)


© Andrea Casula.
Tutti i diritti riservati.

Opera realizzata in unica copia e firmata a mano dall’artista. L’originalità e l’unicità dell’opera è garantita da apposito certificato di autenticità.

Descrizione dell’opera:
Con “Lingue di luce all’alba del mattino”, l’artista Andrea Casula, rende protagoniste assolute della sua opera tre “lingue di luce” disposte in tre blocchi a forma di spirale. La luce, tema centrale di quest’opera, è il  principio fondamentale di tutto ciò che esiste. Come lo spazio e il tempo determinano il nostro esistere, in “Lingue di luce all’alba del mattino”, la luce,  oltre a essere un fenomeno fisico importante, ricopre un ruolo simbolico fondamentale poiché in essa stessa viene rappresenta la Vita. La luce fu infatti tra le prime cose create da Dio. Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu, enuncia il libro della Genesi; e nelle ultime pagine dell’Apocalisse di San Giovanni leggiamo: “Non vi sarà più notte, e non avranno più bisogno di luce di lampada né di luce del sole, perché il Signore Dio li illuminerà”. La luce è la grande bellezza e benedizione dell’universo: è creata per prima, e come ogni primogenito, è fra tutte le cose visibili quella che maggiormente somiglia al suo grande Progenitore per purezza e splendore. Fu per questo motivo, che il primo essere a saper parlare perfettamente la lingua della luce, fu l’unigenito figlio di Dio, Gesù Cristo, il nostro unico redentore, colui che è chiamato “la luce del mondo”. Le tre lingue di luce,  esprimono quindi la totalità della Sapienza infinita che guida l’essere umano verso la strada maestra della verità, la quale, è in grado di  trasformare ogni lingua umana, nell’unica lingua veramente utile, quella della luce. Solo grazie a questa consapevolezza, l’attento osservatore può essere trasportato in una nuova realtà, nella quale il dialogo con Dio diventa l’unico linguaggio completo che può essere definito come il linguaggio universale dell’amore.
Descrizione dell'opera

Altre opere



Condividi questa pagina: